Avvocato serbo per i diritti umani combatte per i diritti dei rifugiati e dei richiedenti asilo

Storie
L’UNHCR ha nominato Nikola Kovačević vincitore del Premio Regionale Nansen per i Rifugiati dell’UNHCR in Europa per la sua dedizione nel fornire assistenza legale ai rifugiati e ai richiedenti asilo nei Balcani occidentali.
Nikola Kovačević inizia la sua giornata di lavoro come avvocato non in abito, ma in maglietta e scarpe da ginnastica. Giorno e notte, è pronto a saltare nella sua auto e correre ad aiutare i richiedenti asilo e i rifugiati in difficoltà.

Il 32enne ha dedicato la sua vita ad aiutare i richiedenti asilo e i rifugiati. Non offre solo consulenza legale gratuita, ma li aiuta anche a fare domanda di asilo e a trovare un alloggio, un lavoro e istruzione e assistenza medica nella speranza che trovino opportunità e una nuova vita in Serbia.

Kovačević, che lavora nella protezione dei rifugiati dal 2012, ha rappresentato quasi il 30% dei richiedenti asilo cui è stata concessa protezione in Serbia. Segue i casi anche dopo che sono stati risolti e rimane amico dei suoi clienti, condividendo cibo e conoscendo la loro cultura.

Per la sua eccezionale dedizione e il suo contributo sostanziale al miglioramento del sistema di asilo in Serbia, è stato scelto come vincitore regionale per l’Europa del Nansen Refugee Award dell’UNHCR, un prestigioso premio annuale che onora coloro che hanno fatto sforzi straordinari per sostenere le persone costrette a fuggire e gli apolidi. È il primo vincitore in assoluto dalla Serbia.

“Il lavoro di Nikola ha contribuito a importanti miglioramenti della procedura d’asilo in Serbia, compreso un aumento del numero di rifugiati a cui è stata concessa la protezione internazionale”. ha detto Francesca Bonelli, Rappresentante dell’UNHCR in Serbia. “La sua dedizione alla causa dei rifugiati in Serbia dimostra l’importanza del coinvolgimento e del contributo di tutti alla protezione delle persone costrette a fuggire dalle loro case. L’esempio di Nikola serve da ispirazione per tutti coloro, specialmente i giovani, che sono pronti a fare il passo più lungo della gamba nel fornire supporto ai rifugiati in difficoltà.”

“Quello a cui stiamo assistendo è il crepuscolo dello stato di diritto alla frontiera”

Per i rifugiati, l’accesso a un paese è una precondizione per poter chiedere asilo. Gli Stati hanno il diritto di controllare i loro confini, ma secondo il diritto internazionale devono anche garantire che i rifugiati possano accedere alla protezione. Questo principio non è sempre rispettato. Molti dei clienti di Kovačević sono stati esposti alla violenza durante la loro ricerca di sicurezza. Alcuni sono stati addirittura respinti dalle autorità mentre cercavano di attraversare i confini.

“Quello a cui stiamo assistendo è il crepuscolo dello stato di diritto al confine. Se perdiamo la battaglia alle frontiere, perderemo la battaglia per l’intero sistema”, ha detto Kovačević.

Molti dei richiedenti asilo che ha aiutato sono stati profondamente colpiti dall’esperienza di essere respinti violentemente da un confine.

Recentemente, ha incontrato Abas, un richiedente asilo dall’Afghanistan, che aveva subito gravi ferite alle costole e alla spina dorsale durante un respingimento. Kovačević gli ha offerto assistenza legale e ha organizzato una visita medica. Sta continuando a lavorare con Abas per aiutarlo ad accedere all’asilo e fare della Serbia la sua nuova casa.

“Purtroppo, questo è solo un altro giorno in ufficio”, ha detto Kovačević. “Questo è qualcosa che vediamo regolarmente. È molto importante continuare a fare quello che stiamo facendo, perché dobbiamo trovare un modo per fermare tutto questo”.

“Ero completamente perso, è come se nessuno potesse sentirmi”

Bilal, un richiedente asilo dalla Siria, ricorda di aver incontrato Kovačević in un momento buio della sua vita nel 2016. “Ero completamente perso, è come se nessuno potesse sentirmi”, ha detto Bilal, che all’epoca era senza casa. “Ma poi c’era questa luce alla fine del tunnel e c’era Nikola”.

L’avvocato gli ha offerto assistenza legale gratuita e lo ha aiutato a sistemarsi in una casa in Serbia, garantendo per lui con il suo nuovo padrone di casa. Lo ha poi indirizzato all’UNHCR e a uno psicologo per una consulenza. Ha anche dato a Bilal la possibilità di aiutare gli altri, utilizzando il suo caso per una causa strategica.

“È una delle persone più coraggiose che abbia mai incontrato”, dice Kovačević di Bilal. “Permettendoci di discutere il suo caso, ha contribuito immensamente alla protezione di innumerevoli altri”.

Oltre al suo lavoro con i richiedenti asilo, Kovačević sta costruendo una comunità di giovani avvocati interessati ai diritti umani attraverso il suo ruolo di assistente professore di diritto all’Università dell’Unione di Belgrado.

Jana, un’ex studentessa, spiega come il suo esempio l’abbia ispirata a dedicarsi al diritto dei diritti umani. “Vedere qualcuno che crede così tanto in quello che sta facendo è stato ciò che mi ha ispirato e mi ha fatto venire voglia di fare lo stesso”, ha detto.

“Questa è l’essenza del lavoro che facciamo, trovare l’umanità e trattare ogni essere umano con dignità”.

[Tratto da UNHCR Italia]

*Tutti i nomi dei richiedenti asilo e dei rifugiati usati in questo articolo sono stati cambiati per motivi di protezione.