Ocalan -freedom

Il momento è arrivato. Libertà per Öcalan

Convivenza e inclusione, Notizie
22 anni fa la cattura del leader curdo

Il 15 febbraio del 1999, la Turchia arrestava, durante un’operazione di forze speciali in Kenya, il leader curdo Abdullah Öcalan. Infatti proprio in questi giorni ci sono manifestazioni in tutta Italia, per chiederne il rilascio.

Abdullah Öcalan

Leader del Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK), alla fine degli anni Novanta dovette rifugiarsi in Italia, dopo che il PKK fu dichiarato “organizzazione terroristica” da molte organizzazioni internazionali.

Abdullah Öcalan arrivò in Italia il 12 novembre 1998 accompagnato da Ramon Mantovani, all’epoca deputato di Rifondazione Comunista e responsabile Esteri del partito. Una volta arrivato in Italia, Öcalan si consegnò alla polizia sperando di ottenere in qualche giorno il riconoscimento dello status di rifugiato.

Il governo però non glielo concesse per le pressioni ricevute dall’estero, in particolare da Turchia e Stati Uniti, e per non correre il rischio che le aziende italiane venissero boicottate dal governo turco.

Il governo italiano adottò la strategia dell “allontanamento volontario”, sostenendo che fu proprio lui a chiedere di lasciare l’Italia. Dopo 65 giorni in Italia, il 16 gennaio 1999, Öcalan fu convinto a partire per Nairobi, in Kenya. Pochi giorni dopo, il 15 febbraio 1999, fu catturato dagli agenti dei servizi segreti turchi durante un trasferimento dalla sede della rappresentanza diplomatica greca in Kenya all’aeroporto di Nairobi. Da allora è detenuto nell’isola-prigione di Imrali, in condizione di totale isolamento.

Anche noi ci uniamo alla richiesta di liberazione di Öcalan e tutti i prigionieri politici… Il momento è arrivato!