Crisi dei migranti, il premio Nobel Gurnah: “Risposta inumana da Gran Bretagna e Francia”

Nel Mondo

“I governi di Gran Bretagna e Francia hanno dato entrambi una risposta inumana alla crisi dei migranti del Canale della Manica

Così l’autore tanzaniano naturalizzato britannico nonchè ex rifugiato Abdulrazak Gurnah ha commentato il comportamento di Londra e Parigi rispetto al recente naufragio nella Manica. Naufragio nel quale hanno perso la vita 27 persone.

Crisi dei migranti, il commento di Abdulrazak Gurnah

Abdulrazak Gurnah, che solo qualche giorno fa ha ritirato la medaglia del premio Nobel per la Letteratura presso la residenza dell’ambasciatore svedese nella capitale del Regno Unito, ha pronunciato parole molto dure su quanto accaduto. E lo ha fatto durante una conferenza stampa online a Londra. Secondo l’autore, infatti, Londra e Parigi si sono rimpallate le responsabilità sulla crisi dei migranti. Sopratutto dopo il recente naufragio nella Manica. In particolare, Gurnah ha preso di mira il governo inglese:

“È piuttosto strano notare il tipo di linguaggio, la narrazione che è stata costruita contro o su questi tentativi di attraversamento”

Gurnah prendendo di mira il governo inglese:

Inoltre, il premio Nobel ha ammesso anche di essersi domandato se il motivo delle mancate congratulazioni da parte del governo britannico per il suo successo possa essere dovuto al fatto che sia uno scrittore nato in Africa.

“E’ possibile che questa sia la spiegazione, che non mi vedano come qualcuno a cui devono delle congratulazioni”.

Tra l’altro, Gurnah vive a Londra dagli anni Sessanta.

[Tratto da Stranieri in Italia]