Insulti razzisti all’operaio davanti a 10 colleghi: sciopero immediato alla Gls Enterprise

Notizie

TREVISO  I Cobas trevigiani denunciano un episodio che ha fatto scattare uno sciopero immediato in un’azienda della Marca: «Qualche giorno fa all’interno del magazzino GLS Enterprise di Treviso – scrive il sindacato autonomo – si è verificato un episodio gravissimo: il responsabile aziendale della società in appalto per cui lavorano i facchini (New mastercourier), per futili motivi ha iniziato ad urlare insultando un lavoratore con epiteti irripetibili e poi, non contento dell’umiliazione inflittagli è sbottato con l’insulto razzista “Negro di m…a”. A questo episodio erano presenti almeno 10 altri lavoratori, anche perché il responsabile urlava, ed è così è scaturita, spontanea, l’indignazione. Gli operai presenti si sono subito fermati ed hanno indetto un’assemblea con i delegati di ADL Cobas».

Al termine hanno deciso di proclamare lo sciopero immediato, e tutti insieme si sono fermati e sono usciti dal magazzino, lasciando il capo solo con i suoi pacchi da scaricare. Gli stessi Cobas annunciano la presenza alla manifestazione di domani – sabato 9 febbraio – a Venezia «per dire No al Decreto Salvini e ai razzisti».

[Fonte: ilgazzettino.it – 08 febbraio 2019]

Lascia un commento